La Percezione Visiva – L’insieme è più della somma delle sue parti

Elisa PC Academy di - 7 settembre 2016 in Grafica & Fotografia

Alzi la mano chi non ha mai sentito la frase :” Un’immagine vale più di 100 parole”, poco ci importa se sia stato Confucio a dirla o Lao Tse.
Quello su cui vogliamo fare luce in questo articolo è cosa avviene, al livello di percezione visiva e mentale, quando guardiamo una foto/illustrazione.

Sia la nostra mente, che i nostri occhi, fanno una scelta fra tutti gli stimoli che provengono dall’esterno, selezionando le informazioni, dando priorità ad determinati fattori, piuttosto che altri.

Non parliamo di come funziona il cervello, almeno non in questo articolo, ma di come ogni singolo elemento che creiamo viene letto nell’ambiente in cui ci troviamo ad interagire.

Nel mondo del design, l’importante non è il singolo elemento ma come quel singolo elemento si rapporta a ciò che lo circonda, e come viene percepita la totalità degli elementi dall’osservatore.
Questa considerazione è alla base di quella che viene definita teoria o psicologia della Gestalt [1].

Alla base di questa teoria, c’è la regola che:” L’insieme è più della somma delle sue parti”.
Per comprendere il mondo circostante si tende a identificare forme secondo schemi che ci sembrano adatti ‐ scelti per imitazione, apprendimento e condivisione e attraverso simili processi si organizzano sia la percezione che il pensiero e la sensazione; ciò avviene di solito del tutto inconsapevolmente.
Altra importante scelta percettiva, per la Gestalt, è come il nostro sistema riconosce e organizza il rapporto tra figura e sfondo.
l principio di Figura/Sfondo spiega come alcuni elementi in un prodotto di design visivo vengano percepiti come il soggetto della comunicazione, in primo piano; e altri invece vengano percepiti come sfondo, in secondo piano, dietro la figura.

Carrefour

Le modalità secondo le quali si costituiscono le forme sono state classificate e descritte come “leggi della forma” e sono state elencate da Wertheimer nel 1923 nel modo seguente:

Legge della vicinanza

Gli elementi visivi che sono tra loro vicini, vengono percepiti come appartenenti allo stesso gruppo.

unilever

Legge della somiglianza

A parità di tutte le altre condizioni, gli elementi del campo visivo che sono tra loro simili tendono a essere raccolti in unità.
Il fenomeno descritto dalla legge della somiglianza può anche essere utilizzato per porre in evidenza alcuni elementi, di un layout grafico, dove gli elementi si distinguono per diversità funzionale, o semplicemente per la loro disposizione.

Legge del destino comune

Il sistema visivo sembra funzionare in modo che un segmento rettilineo tende a evitare bruschi cambiamenti di direzione e pertanto, ad un incrocio con altri segmenti, si unifica di preferenza con quello che continua nella medesima direzione. Anche le linee curve tendono a mantenere per quanto possibile il proprio andamento e, dopo un incrocio, continuano fenomenicamente nel segmento che meno si discosta da tale andamento. Semplificando il principio di Destino Comune dichiara, che la mente percepisce come appartenenti allo stesso gruppo, quegli elementi che sembrano muoversi nella stessa direzione.

ibm

Legge della chiusura

La nostra mente è predisposta a fornire le informazioni mancanti, per chiudere una figura, pertanto i margini chiusi o che tendono ad unirsi, si impongono rispetto a quelli che si percepiscono come aperti.

wwf

Legge della pregnanza

L’apparire delle forme è la caratteristica di “pregnanza” o “buona forma” da esse posseduta: quanto più regolari, simmetriche, coesive, omogenee, equilibrate, semplici, concise esse sono, tanto maggiore è la probabilità che hanno d’imporsi alla nostra percezione.

olimpiadi

Legge dell’esperienza passata

Questa legge è quella che più di tutte, è legata alla nostra cultura e alle conoscenze condivise.
Tutti gli elementi che per la nostra esperienza passata sono abitualmente associati tra di loro tendono ad essere uniti in forme.

Esperienza Passata

Solo chi conosce il nostro alfabeto vede una E in queste forme.

Nel caso di stimoli che possono dar luogo a più di una interpretazione, come sostengono oggi molti studiosi, gioca un ruolo fondamentale il contesto, insieme alle nostre conoscenze pregresse su quel contesto: ciò che noi vediamo è influenzato da ciò che ci aspettiamo di vedere.
Nella vita quotidiana ogni scena che vediamo contiene elementi che difficilmente potremmo riconoscere al di fuori del loro contesto.

Ad esempio, è più facile riconoscere un docente se lo incontriamo alla PC Academy in aula, piuttosto che in un supermercato.

Sei una persona che lavora nel settore della comunicazione?

Forse possono interessarti i nostri corsi di Grafica, Fotografia e Web Design.


[1] La psicologia della Gestalt (dal tedesco Gestaltpsychologie, psicologia della forma o rappresentazione) è una corrente psicologica incentrata sui temi della percezione e dell’esperienza che nacque e si sviluppò agli inizi del XX secolo in Germania.

Share

Promozioni

Potrebbe interessarti



Elisa PC Academy
Elisa: Fotografa e Grafica Freelance, è docente di grafica amatissima dagli allievi della PC Academy. Per PC Academy cura: i contenuti dei programmi dei corsi dell'area Grafica; le lezioni in aula della gran parte dei corsi di Grafica; il tutoraggio dei corsi online per l'area Grafica; la redazione di articoli per questo portale.

Commenti