Contest “la vita in maschera” – Raffaele Scotti 2 – Scrittura

Francesco PC Academy di - 17 marzo 2014 in Altro

L’ALTRO

SIGLA.

 

Vernice spray rossa su sfondo chiaro. Non leggiamo le parole.

 

APRIRE IN DISSOLVENZA SU:

 

INTERNO: Autobus metropolitano, mattino.

 

INQUADRATURA ANGOLARE DALL’ALTO SU ALEX che fissa due ragazze.

È moro, alto e magro. Indossa abiti scuri e ha un ipod da dove arriva il suono di musica Metal. La musica è alta e le persone che gli stanno intorno dimostrano di essere infastidite.

 

PRIMO PIANO SU le ragazze che parlano con voce alta dell’ultimo cd di Gigi D’Alessio.

Sono entusiaste e non si accorgono che molti passeggeri le osservano infastiditi. Alla nostra destra c’è una ragazza mora eccessivamente truccata. È una quattordicenne ed è griffata dalla testa ai piedi. Alla nostra sinistra c’è l’amica. È bionda, evidentemente tinta, anche lei quattordicenne, anche lei griffata.

 

CARRELLATA SUGLI OCCHI DI ALEX che sono rossi e iniettati di sangue.

 

PRIMO PIANO SULLA BOCCA DELLA RAGAZZA MORA che pronuncia il nome del cantante.

 

PRIMO PIANO DEGLI OCCHI DI ALEX che si dilatano.

 

SOGGETTIVA DELLA MANO DI ALEX che alza il volume dell’ipod.

PANORAMICA DELL’INTERNO DELL’AUTOBUS dove molti passeggeri brontolano e scuotono la testa.

 

PRIMO PIANO DEGLI OCCHI DI ALEX che sta pensando.

 

VOCE FUORI CAMPO della voce di Alex nella sua testa: “Le sento, Dio, le sento ancora pronunciare quel nome!”.

 

SOGGETTIVA DELLA MANO DI ALEX che alza ancora il volume dell’ipod.

 

PRIMO PIANO DI UN UOMO che si trova al fianco di Alex e che dice: “Giovanotto! Potresti abbassare la musica?”.

 

PANORAMICA DELL’INTERNO DELL’AUTOBUS dove molti passeggeri annuiscono soddisfatti.

 

INQUADRATURA DI ALEX CHE SI VOLTA VERSO L’UOMO e dice in growl (grugnito, suono della voce alterato da un microfono, tipico di alcune band Metal) : “Silenzio!”.

 

PRIMO PIANO DELLE RAGAZZE CHE SI VOLTANO VERSO ALEX e si mettono a ridere.

 

CARRELLATA SUGLI OCCHI DI ALEX che si dilatano.

 

INQUADRATURA DELLE DUE RAGAZZE che parlano.

 

PRIMO PIANO DELLA MORA che dice: “Hai visto quello sfigato? La robaccia che ascolta si sente fin qua…”.

 

PRIMO PIANO DELLA BIONDA che dice: “Sì, lo conosco…uno di quelli…” e si mette a ridere.

 

INQUADRATURA DELLE DUE RAGAZZE che ridono sguaiate.

 

INQUADRATURA ANGOLARE DALL’ALTO SU ALEX che fissa le due ragazze.

PANORAMICA DELL’INTERNO DELL’AUTOBUS dove molti passeggeri brontolano e scuotono la testa.

 

PRIMO PIANO DELLA BOCCA DI ALEX che urla in growl: “Zitte Vacche!!”.

 

INQUADRATURA DELLE DUE RAGAZZE che smettono di ridere immediatamente.

 

PANORAMICA DELL’INTERNO DELL’AUTOBUS dove tutti i passeggeri ammutoliscono.

 

INQUADRATURA DELL’AUTISTA che frena bruscamente e grida: “Scappate!”.

 

CARRELLATA SULLE PORTE DELL’AUTOBUS CHE SI SPALANCANO e da dove vediamo uscire frettolosamente i passeggeri.

 

ESTERNO: Autobus metropolitano, mattino.

 

INQUADRATURA SULLA FIANCATA DELL’AUTOBUS CON LE PORTE APERTE da dove molti passeggeri si precipitano fuori calpestandosi. Vediamo gente piangere e urlare impaurita e allontanarsi frettolosamente dall’autobus.

 

INTERNO: Autobus metropolitano, mattino.

 

PRIMO PIANO SU le ragazze che stanno piangendo tenendosi l’un l’altra.

 

PANORAMICA DELL’INTERNO DELL’AUTOBUS che è vuoto.

 

MUSICA FUORI CAMPO dell’ipod di Alex.

 

INQUADRATURA DI ALEX che si toglie le cuffie e si avvicina lentamente alle due ragazze.

 

MUSICA FUORI CAMPO dell’ipod di Alex adesso più alta.

 

PRIMO PIANO DEGLI OCCHI DELLA MORA da dove cola tutto il mascara.

 

PRIMO PIANO DELLA BOCCA DI ALEX che sorride malefico.

 

PRIMO PIANO DELLA BIONDA che dice singhiozzando: “Ti prego non farci del male…”.

 

INQUADRATURA ANGOLARE DALL’ALTO SU ALEX che è vicino alle due ragazze e tende loro gli auricolari.

 

PRIMO PIANO DI ALEX che dice in growl: “Metteteli e ascoltate…Subito!”.

 

INQUADRATURA DELLE DUE RAGAZZE che immediatamente afferrano le cuffie e se le portano alle orecchie. La mora infila l’auricolare nel suo orecchio sinistro mentre la bionda nel destro.

 

CARRELLATA SU ALEX CHE RIDE COMPIACIUTO e poi portando la mano all’ipod alza il volume al massimo.

 

INQUADRATURA ANGOLARE DALL’ALTO DELLE DUE RAGAZZE che tremano portandosi le mani alla testa.

 

PRIMO PIANO DELLE DUE RAGAZZE che si tengono la testa con le mani. Stanno urlando.

 

PRIMO PIANO DI ALEX che urla in growl: “In Metal We Trust!”.

 

PRIMO PIANO DELLE TESTE DELLE DUE RAGAZZE che scoppiano.

 

PRIMO PIANO DELLA FACCIA DI ALEX che è leggermente macchiata di acqua. Il suo viso tradisce disappunto, poi dice con voce normale: “Tutto qua?”.

INQUADRATURA ANGOLARE DALL’ALTO SU ALEX che alza le braccia ed urla in growl versi disumani.

 

INTERNO: Camera da letto, tarda mattinata.

 

STRINGERE SU ALEX che è sul letto mentre si alza di scatto.

Sorride e dice: “Era un sogno…”.

 

INQUADRATURA DI ALEX CHE SI DISTENDE SERENO e prendendo l’ipod dal mobiletto alla sua destra si infila gli auricolari e preme il tasto play.

 

VOCE FUORI CAMPO della voce di Gigi D’Alessio che canta nell’ipod di Alex.

 

PRIMO PIANO DI ALEX che sorride e canta sereno.

 

CHIUSURA IN DISSOLVENZA.

 

SIGLA.

 

Vernice spray rossa su sfondo chiaro. Leggiamo le parole:

“Temer si dèe di sole quelle cose c’hanno potenza di fare altrui male;  de l’altre no, ché non son paurose…”.

Dante – Inf. II, 88 – 90

 

NERO.

 

Share

Promozioni

Potrebbe interessarti



Francesco PC Academy
Francesco: Lavora come freelance, si occupa di Web Design & Marketing, Strategie Digitali, Blogging e docenza. Per PC Academy cura: il tutoraggio dei corsi online Scrittura Creativa e Sceneggiatura; le lezioni in aula sulla creazione del CV infografico e come Presentarsi alle Aziende in modo professionale; la redazione di molti articoli di questo portale.

Commenti

  • Marco

    Molto interessante ci farei un film

  • Gaetano

    Conosco già l’autore e come sempre mi lascia con una faccia sorridente per la sorpresa nel finale…Complimenti

  • Maria

    molto carino, rispecchia la realta’ con una punta di fantasia, che non guasta, anzi- complimenti