Primi passi. Partita IVA e…

di - 27 luglio 2012 in Altro, In evidenza, Web Design

Francesco già vi aveva parlato della partita iva dei regimi minimi. Ribadisco che, se volete iniziare un’attività tutta vostra, questa è l’ideale. Anche io sono passato recentemente al “club di Francesco”.
Ricapitoliamo con un esempio pratico  i vantaggi di questa particolare modalità di partita iva. Innanzi tutto è fatta proprio per i giovani: vale per tutte le nuove partite iva aperte e per 5 anni dall’inizio dell’attività. Oppure fino ai 35 anni. 

Supponiamo che svolgiate un lavoro per un cliente e che vogliate farvi pagare 100 euro. Ora sicuramente saprete che c’è sempre quella fastidiosissima IVA di mezzo del 21%. Questo vuol dire che quel 21% non sarà un vostro guadagno ma fa parte delle tasse che a fine anno dovrete pagare, quindi dai 100 euro ve ne resteranno 79!
Quindi, se volete guadagnare 100 euro, dovrete aggiungere a questi 21 euro di iva, e il vostro cliente di dovrà pagare così 121 euro. Vero è che il vostro cliente scaricherà quanto pagato a voi dalle sue tasse (vedremo poi un esempio pratico anche di questo), ma ad alcuni potrebbe “dar fastidio” aggiungere così tanto per un lavoro, e psicologicamente gli sembrerà di pagare di più (specialmente a chi non ha una grande azienda o attività ed è abituato a piccole spese – e questo sarà molto probabilmente il vostro target iniziale).

Con la partita iva dei regimi minimi questo problema si ridimensiona notevolmente. Difatti siete esenti da IVA! Vale a dire addio 21%, non dovrete aggiungere nulla quando emettete la fattura. Tenete tuttavia presenti le vostre spese. E’ vero che non c’è più iva sulla fattura, ma è anche vero che dovrete poi a fine anno versare il 5% del vostro netto in tasse. Però è molto diverso farsi pagare 100 euro e poi emettere una fattura da 121, che invece spiegare con quale regime lavorate e farvi pagare 105 euro.

Un consiglio che mi permetto di darvi: non mettete quei 5 euro insieme ai 100! Metteteli da parte e dimenticateveli fino a fine anno, perchè sicuramente li spenderete (e poi quando arriva il momento di pagare ve li chiederanno comunque :-) ).

A questo dobbiamo aggiungere un’ulteriore considerazione. Dal vostro netto guadagno annuale (quindi poniamo che abbiate svolto solo il lavoro dell’esempio vale a dire 100 euro (i 5 sono tasse e quindi non sono guadagno) dovrete togliere ulteriore 27% (che può salire fino al 33% per elevati guadagni – ah! dimenticavo di dirvi che il regime dei minimi si può avere fino a guadagni annuali di 30000 euro…immagino all’inizio basti :), anche se vi auguro di no!).

Questo 27% rappresentano i contributi che dovrete versare all’INPS per ottenere, da vecchietti, la vostra pensione. Quindi considerate anche questa percentuale quando dovrete presentare un preventivo al cliente. Naturalmente  questi ulteriori soldi che “non vedrete più per un bel pò” non sono proprio una tassa, ma l’assicurazione sul vostro futuro; tuttavia considerateli per gestire il vostro bilancio attuale.

T ornando all’emissione della vostra fattura, potrete indicare un 4% che prende il nome di diritto di rivalsa. A fine anno così, di “vostro” vi mancherà di pagare il 23%. Il vostro cliente così, per 100 euro, vi darà 100 euro, più il 5% (5 euro che pagherete in tasse) e il 4% (4 euro che verserete all’INPS insieme all’ulteriore 23% a fine anno).

Quindi costo finale da presentare in fattura, 109 euro, ben diverso da 121! Un 9% extra totali a fronte del 21%.

Non sarete nemmeno soggetti ai controlli di settore, specialmente se aprite una partita iva generica (all’inizio potete farlo) con la quale potrete svolgere qualsiasi lavoro, dalla grafica al muratore! Comodo no?

Vi suggerisco, anche se avrete la tentazione di fare tutto da soli, di parlare con un commercialista e lasciare che vi segua almeno per il primo anno, fino a quando non saprete cavarvela da soli! Trovatene uno economico e magari di fiducia, perchè sembra tutto semplice (e in effetti in gran parte lo è) ma vi servirà come il pane per capire come meglio gestire le vostre entrate e le vostre uscite.

psst! A proposito, considerate nelle spese anche il costo del commercialista…

(continua…)

Share

Promozioni

Potrebbe interessarti



Commenti

  • gianmaria

    però se non sbaglio c’è un vincolo anche per quanto riguarda le spese di macchinari e affitti, giusto? mi pare 15.000 in tre anni.

    • Giampiero.PC Academy

      Esatto Gianmaria, c’è anche questo limite. Grazie per la partecipazione!
      Ecco cosa viene riportato:

      “Limite dei 15 mila euro nell’acquisto dei beni strumentali
      Il valore di 15 mila euro deve essere inteso per la parte destinata all’attività, per cui per intenderci se acquistate una macchina da 30 mila euro e l’adibite a vostra autovettura si presume un utilizzo promiscuo pertanto non avrete sforato, in quanto considererete il 50% del valore. Inoltre non può accedere nemmeno chi ha svolto nei tre anni precedenti attività di lavoro di impresa, ha partecipato a società di persone o altre associazioni, ha svolto attività artistica o professionale, o anche socio di una società di capitali o di una SAS con ruoli gestionali.”

  • Silvia Alessandrini

    Io questa partita iva l’ho chiusa a gennaio.
    Come imposta sostitutiva in fattura risulta il 20%, non il 5. Per caso è cambiata?
    Silvia

    • Giampiero.PC Academy

      Ciao Silvia, si è cambiato! Puoi leggere tutti i dettagli cliccando qui

  • Memole

    Domanda stupida… cosa succede se a fine anno il mio guadagno è 0,00€ (cosa che come primo anno di attività può cmq verificarsi) ? devo comunque pagare i contributi inps? e cos’altro dovrò pagare?

    • Francesco PC Academy

      Ciao Memole, dipende dal regime della tua partita iva, se hai quello dei superminimi al 5% se guadagno 0,00 € non dovrai pagare inps, non ci sono dei contributi fissi con questo tipo di regime.