La pubblicità è social. Proponiamoci a costo zero

di - 28 marzo 2012 in Web Design

 

Vai alla guida Grafico/Web Designer Freelance

 

Ford affermava di sapere che la metà dei soldi che spendeva in pubblicità fosse sprecato, il problema era che non sapesse di quale metà si trattava.

Purtroppo avviando un’attività da libero professionista molto spesso non possiamo permetterci di sprecare quella metà…anzi forse non possiamo permetterci nessuna spesa, o quasi. Fortunatamente oggi ci sono strumenti prima inimmaginabili che ci vengono incontro per la nostra promozione, a costo zero. Parliamo, naturalmente, di internet.
Un sito internet della nostra attività è sicuramente una spesa annuale molto limitata (se poi il sito viene realizzato da noi stessi), però accanto ad esso sono i social media che diffondono in maniera virale le nostre abilità e la nostra professionalità. Il Social Media Marketing studia appunto i meccanismi di promozione sui social media.
In sostanza tutto è molto semplice, si tratta di promuovere un’immagine positiva di sè all’interno di una rete nella quale possiamo ritagliarci il nostro spazio senza pagare e fare in modo che siano altre persone (molto più che noi stessi), a parlare di noi. Da parte nostra con i nostri contatti possiamo stabilire una comunicazione 1 a 1, piuttosto che quella 1 a molti delle pubblicità di massa tradizionali.

Le persone parleranno di noi se realizziamo contenuti interessanti, se forniamo qualcosa che vale la pena “condividere”; più i nostri contenuti verranno diffusi (in maniera appunto virale) maggiori saranno le probabilità di ingresso al nostro sito e di conversione (dove per conversione intendiamo il numero di “visitatori” che trasformano i loro dubbi, richieste e domande in una comunicazione diretta con il professionista, fino a trasformarsi nell’acquisto di un prodotto).

A questo scopo Facebook e You Tube, ad esempio, svolgono la funzione egregiamente. Il problema è forse proprio la bontà del mezzo che lo rende utilizzato da…..”tutti”, e quindi il vero problema è emergere dalla schiera di concorrenti o semplicemente altri utenti che parlano dei nostri stessi argomenti. Per questo però non si può dare nessun consiglio, se non quello di guardarsi prima intorno per vedere ciò che già esiste, e poi reinvetare o inventare completamente la nostra comunicazione. In questo ambito l’originalità paga sempre.

 

Personalmente mi piace un aneddoto sul mondo dei blog, molto utili per comunicare proprio la nostra personalità. oltre che i nostri prodotti, per dar vita ad un “mondo” attorno alla nostra attività, comunicando la nostra passione e la nostra competenza ai lettori. L’aneddoto a cui mi riferisco è la storia di un sarto inglese, molto bravo ma con pochi clienti, anche perchè, lavorando in maniera del tutto artigianale, non poteva proporre le sue creazioni ad un prezzo proprio economico. Però in collaborazione con un pubblicitario diede vita ad un blog in cui parlava non solo del suo lavoro, ma anche della sua vita, di esperienze professionali e quotidiane. Già il nome del blog fu centrato in pieno, “English cut”, che così si riferiva non solo al taglio dei post e allo “stile di vita”, ma anche alle forbici da sarto. Questo ha contribuito ad avvicinarlo ai propri clienti che hanno imparato a vedere l’uomo oltre che il commerciante e ad avvicinarsi empaticamente alla sua attività. Dopo qualche tempo i suoi viaggi di rappresentanza divennero molto più fruttuosi! (Tutto vero, potete collegarsi al suo blog qui.)

Collegandomi al discorso precedente, se questo signore ora otterrà più visite (grazie ai clic da questo articolo), è grazie a me che l’ho citato qui, ma questo è perchè io ho letto la sua storia su un libro, e il motivo per cui il suo blog era riportato su un libro cartaceo è da ricercare nell’originalità del progetto e nella bontà dei contenuti. Sempre a questo discorso torniamo :-).

Linkedin anche è un social media, più professionale, che consente di raggiungere i professionisti in determinati campi, aggiungersi a gruppi che trattano un determinato argomento e proporre la propria professionalità a un target già potenzialmente interessato, in breve tempo, e a costo zero! (Presto più dettagli sul mondo di Linkedin). Ad esempio se realizziamo striscioni per feste paesane, magari è bene contattare tutti i gruppi che in qualche modo fanno riferimento a queste fiere (per esempio “Comitato Eventi Ariccia”, “Castagna in tutta Italia”, ma anche “Comune di Frascati”, ecc… ecc..). Ora probabilmente non ci saranno gruppi del genere su Linkedin :) (magari su facebook), ma è per capirsi.

Share

Promozioni

Potrebbe interessarti